Come si formano gli iceberg?

Come si formano gli iceberg?

Gli iceberg, la cui etimologia ha origine germanica e significa “Montagna di ghiaccio“, sono delle vere e proprie montagne di ghiaccio mobili che galleggiano alla deriva nelle acque degli oceani. Si tratta di colossi di ghiaccio che si originano nelle aree più fredde della Terra (presso i Circoli Polari), blocchi talvolta giganteschi che misurano chilometri sia in altezza, sia in lunghezza;

Le dimensioni di questi blocchi di ghiaccio galleggianti possono essere talvolta inquietanti.

Come quello enorme, di almeno di 11 milioni di tonnellate che ha galleggiato pericolosamente nei pressi del villaggio costiero di Innaarsuit, in Groenlandia. Le immagini satellitari mostravano l'avvicinarsi dell'iceberg alla costa già dal 9 luglio e, entro il 13 luglio, l'insediamento, che conta 160 residenti, è stato parzialmente evacuato e le barche da pesca tirate in secco. Ma niente aura, nel 1956 fu avvistato un iceberg addirittura grande quanto la Regione Liguria!


Iceberg, Innaarsuit, Greenland July 2018 - Danger of collapse

Lo scioglimento dei ghiacci che si staccano in enormi blocchi è un fenomeno normalissimo e molto importante per l'equilibrio climatico complessivo della Terra. Basti pensare che la sola Groenlandia vede sciogliersi circa 270 miliardi di tonnellate di ghiaccio ogni anno nel corso della transizione stagionale. Ed è piuttosto normale in estate vedere uno dei 10.000 iceberg che interessano le acque della Groenlandia.

 

Come si formano gli iceberg in Groenlandia?

La gran parte della Groenlandia è ricoperta da una calotta glaciale. La calotta glaciale della Groenlandia è spessa anche 3.000 metri nelle zone interne; il ghiaccio si muove lentamente verso il mare riversandosi attraverso i fiordi, dando luogo ai giganteschi iceberg che poi - galleggiando - vanno alla deriva, infuenzando il cliema di tutto il globo. Gli Iceberg sono quindi costituiti da acqua dolce proveniente dai ghiacciai. Il ghiaccio a contatto con l’acqua gelida si compatta in una forma irregolare che si modella ancora per via del vento e dell’acqua, con torri e pinnacoli, gole incredibili; una parte dell’iceberg è visibile in quanto si eleva per molti metri sulla superficie dell’acqua ma la maggior parte della stazza rimane sommersa.
Talvolta puo' verificarsi anche la fusione di frammenti di ghiacciaio molto vicini tra loro a formare vere e proprie immense piattaforme galleggianti.

Pur essendo un fenomeno locale, gli iceberg sono noti ovunque e legati a molte storie di cronaca (come quella dell’affondamento del Titanic) a temi di attualità come il loro scioglimento per via del riscaldamento globale, fenomeno al quale è imputato l’innalzamento del livello degli oceani.

Solitamente, solo la loro punta emerge dalle acque e questo può costituire un problema per le navi, ma dopo l'incidente del transatlantico Titanic nel 1912, si sono creati organismi di vigilanza degli iceberg che monitorano gli oceani in termini di correnti, flussi di ghiaccio, temperatura e livelli di salinità, che sanno quindi indicare tempestivamente la presenza o meno di formazioni di ghiaccio pericolose. Il compito di questi organismi è molto importante in quanto gli iceberg possono avere delle dimensioni gigantesche.

vuoi vedere gli iceberg più grandi?

 

Si può salire su un iceberg?

Lasciate perdere, anche se non sembra poi una idea tanto strampalata, nessuno vi porterà a passeggio su un icebrg. Si tratta di una attività pericolosa. L'approccio a un immenso blocco di ghiaccio galleggiante - a causa anche della forma - è forse più semplice da affrontare con un elicottero viste le caratteristiche dell'erosione del ghiaccio a contatto con l'acqua.

Share it