Pianificare un viaggio in Groenlandia

Come pianificare un viaggio nell'estremo Nord della terra? Cosa vedere, come vederlo e in quale stagione partire? Ecco tutte le informazioni di base che permetteranno di approcciare al vostro viaggio in Groenlandia al meglio. La Groenlandia, infatti, è un luogo è unico e indimenticabile ma un viaggio va pianificato con calma e attenzione. Le emozioni fortissime che si provano nell’avvistare una balena che attraversa la baia, nel costeggiare un enorme fronte glaciale o solo passeggiando in uno dei tanti colorati villaggi Inuit che si affacciano sul mare, devono fare i conti con un ambiente molto fragile, a tratti estremamente ostile, che consente un accesso molto limitato al turismo.
Organizzare un viaggio nel grande continente di ghiaccio è sicuramente qualcosa di molto particolare, molto diverso rispetto alla maggior parte dei viaggi che si possano immaginare in buona parte del resto del nostro bel pianeta.
Per pianificare un viaggio in Groenlandia al meglio Internet non ci aiuta: i motori di ricerca che noi tutti utilizziamo per organizzare le nostre vacanze, non riescono a essere efficaci; c’e’ qualche "piccolo problemino logistico" che ancora impedisce all’algoritmo di esserci di aiuto!

Innanzi tutto chiariamo

Alcune fondamentali raccomandazioni

  • PIANIFICARE CON LARGO ANTICIPO. La Groenlandia impone la pianificazione accurata, inoltre le disponibilità sono limitatissime per tutti. Lo standard prevede che si i pianifichi il viaggio con almeno un anno di anticipo.
  • LE MANIFESTAZIONI ATMOSFERICHE DETTERANNO IL VIAGGIO. In Groenlandia, specie se si viaggia in inverno, bisogna considerare che si sa quando si parte, ma non quando si torna: bisogna essere pronti a cambiare e modificare tutto in base alle condizioni meteo e ai collegamenti.
  • FOTOGRAFIA  e RIPRESA. meglio puntare sulle crociere e sui viaggi meno attivi.
    Difficile la gestione delle batterie durante la permanenza nei campi tendati. Ci sono limiti per l’utilizzo del drone, specie durante le crociere.

Cosa NON c’e’ in Groenlandia

  • LE STRADE non ce ne sono, quindi inutile pensare a un’auto a noleggio, tantomeno una moto o un camper
  • ALBERGHI DI LIVELLO proprio non ce n’è. Esiste solo UN buon albergo in tutto il paese. Gli alberghi sono merce rara: spesso esiste un solo hotel di fianco alla pista dell’aeroporto, ancora più spesso con disponibilità solo di camere senza bagno privato. Buona parte dell’ospitalità della Groenlandia prevedete campi tendati e rifugi. 

Cosa c’e’ in Groenlandia (che complica un po’)

  • IMPREVEDIBILITA’: tutto è funzione delle condizioni meteo, tutti i programmi devono fare i conti con le condizioni meteo, particolarmente imprevedibili. Bisogna essere pronti ad affrontare cambi repentini ai programmi se salta un volo o se si modifica un’escursione.
  • SCARSA DISPONIBILITA’: pochi alberghi, pochi campi, pochi voli impongono di pianificare il viaggio con cura e con abbondante anticipo.
  • COPENHAGEN o REYKJAVIK: per arrivare in Groenlandia bisogna considerare che non ci sono connessioni in giornata dall’Italia. C’e’ da trascorrere almeno due notti (una pre e una post) in una di queste due bellissime città del nord.

 

Groenlandia: Che tipo di viaggio scegliere?

Individua la destinazione e il periodo in base alle attività e al tipo viaggio che vuoi intraprendere.
È importante comprendere la motivazione che ci spinge verso la Groenlandia per scegliere il luogo e il periodo che meglio la può soddisfare.

Queste alcune tipologie:

  • VIAGGI IMPEGNATIVI

    Immersi nella natura selvaggia con trekking, kayak e escursioni sulla calotta: il Sud della Groenlandia da giugno a settembre. Qui solo campi tendati e rifugi in sacco a pelo (pochi alberghi), programmi particolarmente attivi, nella stessa regione che scelsero i vichinghi per colonizzare le “Terra Verde”. Una vera avventura tra fronti glaciali, icebergs alla deriva, remoti villaggi Inuit abitati dagli ultimi cacciatori. Qui le uniche possibilità di trovare anche guide in italiano, solo in estate.

  • VIAGGI CONFORTEVOLI

    Nella Groenlandia Occidentale: Ilulissat e la baia di Disko da giugno ad agosto. Solo qui esiste un hotel di buon livello (Arctic hotel) che garantisce vista mozzafiato sulla meravigliosa baia degli icebergs, patrimonio Unesco. Innumerevoli possibilità di escursioni sia in elicottero che in battello. Questa è la zona più conosciuta e iconografica della Groenlandia intera, la veduta sulla baia è veramente indimenticabile.

  • CROCIERE ARTICA

    Le crociere ci sono solo in estate, e di solito si concentrano sul sud e sull’est  della Groenlandia, specialmente da fine a agosto a settembre con itinerari che combinano a volte le Isole Svalbard e l’Islanda. Molto più raramente vengono organizzate spedizioni nella più remota zona del nord, la mitica Thule. Scordatevi le enormi navi da crociere nel Mediterraneo o dei Caraibi. Qui si naviga su navi abilitate alla navigazione polare, confortevoli navi  oceanografiche o velieri per vere avventure polari in piccoli gruppi, programmi particolarmente attivi e rispettosi del fragile ecosistema e delle abitudini degli abitanti. Questo viaggio impone la prenotazione con larghissimo anticipo: c’e’ chi per scegliere prenota anche due anni prima di partire.

  • NAVE POSTALE

    Esiste un collegamento settimanale su un bel “traghettone” che unisce l’Ovest (ilulissat) con il Sud (Narsarq) passando per la capitale Nuuk impiegando circa 3-4 giorni di navigazione molto tranquilla, con qualche escursione guidata a piedi durante le soste nei porti dei villaggi. Può essere una buona occasione per unire le due parti della Groenlandia nel medesimo viaggio.

  • LA RICERCA DELL'AURORA BOREALE

    già da fine agosto è possibile vedere le luci che danzano nella notte.
    Da qui in poi tutta la stagione invernale è buona per sperare di vedere l’aurora boreale fino a febbraio-marzo.

  • CANI DA SLITTA, MOTOSLITTA, SCI

    generalmente da gennaio a marzo, tutta la Groenlandia è buona.

  • UN VIAGGIO BREVE DALL’ISLANDA

    la vicina Groenlandia Orientale in estate consente un soggiorno breve a Tasilaq, oppure anche una sola escursione giornaliera per l’isola di Kulusuq. Una ghiotta occasione per chi si trova già in Islanda.

  • UN VIAGGIO BREVE DALLA DANIMARCA

    se si cerca un’estensione breve per chi si trovasse in Danimarca, conviene puntare sulla Groenlandia del sud, collegata quasi tutto l’anno con voli regolari da Copenhagen

Share it